Iscriviti alla NEWSLETTER

Inserisci il tuo indirizzo email sarai aggiornato su tutte le nostre novità!

Email

Conferma l'email
Preferisco ricevere emails in formato HTML

Iscrivendoti accetti la normativa della Privacy (leggi la normativa)
   
  Il vino nella storia trentina
   
 

 Nella zona subalpina forme selvatiche di vite erano presenti sin dall'inizio del Terziario. Nonostante l'azione devastatrice delle successive epoche glaciali, la vite silvestre riuscì a ridiffondersi e ad essere avviata ad una rudimentale coltivazione dalle comunità umane presenti. A conferma di questo si possono ricordare i reperti risalenti all'età del Bronzo rinvenuti nelle zone palafitticole del Garda, di Ledro e di Fiavè.


A queste viti autoctone (Vitis vinifera spp. Silvestris) vennero progressivamente a sovrapporsi o a mescolarsi le varietà di vite originarie dell'area caucasica (proles orientali). Nella Penisola, compresa la zona subalpina, le forme selvatiche subirono dunque un'azione di ibridazione naturale ed una costante pressione e selezione ad opera dell'uomo, fino ad evolversi nelle varietà coltivate.

FIORENTE ATTIVITA' DI PRODUZIONE:
A dimostrare la fiorente attività di produzione e trasformazione dell'uva delle popolazioni di stanza nelle terre reto - venete, si può far riferimento alla "Situla di Cembra", un raffinato bacile bronzeo risalente al VII - VI secolo a.C. rinvenuto in Val di Cembra nel 1838. Essa riporta sui bordi un'iscrizione che inneggia alla qualità del vino ed era probabilmente usata per riti in onore di Bacco e del suo balio Sileno.
L'asta atesina (Valle dell'Adige) fu interessata anche dalla trasmigrazione dei Celti provenienti d'oltralpe. In particolare alcuni nuclei celtici dei Galli Cenomani colonizzarono le pendici delle Prealpi Bresciano - Veronesi per poi stabilirsi nella Valle dell'Adige ove affiancarono alla costruzione di insediamenti urbani e di altre attività economico - agricole la coltivazione della vite e la produzione ed il commercio del vino. Una conferma in tal senso è la roncoletta gallica scoperta ad Isera nella Val Lagarina (porzione meridionale della Valle dell'Adige).
La successiva presenza romana agì nel solco della precedente tradizione stimolando, come altrove, il perfezionamento delle tecniche di coltivazione e di trasformazione. Di questa fiorente attività ne sono testimonianza numerose opere letterarie della civiltà classica (Svetonio, Tubillio, Plinio, Catone, etc)

La tradizione vitivinicola atesina subì una contrazione in coincidenza dello sfaldamento dell'Impero Romano e delle invasioni barbariche. Nei secoli XV e XVI si assistette all'introduzione e diffusione di vitigni particolari come il Marzemino in Val Lagarina. Grazie allo straordinario evento del Concilio di Trento (1545 - 1653) ed all'opera del Mariani, che del Concilio fu attento cronista, i vini trentini divennero conosciuti ed apprezzati anche al di fuori dei locali confini.

LA CRISI DELLA VITE:
La viticoltura perse la sua preminente importanza durante il periodo di sviluppo della sericoltura (1750 - 1850) quando l'agricoltura si indirizzò verso la coltura del gelso; tuttavia dopo la diffusione delle malattie che colpirono questa pianta e la conseguente moria dei bachi da seta la vite riconquistò la posizione perduta. La seconda metà dell'ottocento fu caratterizzata dalla penetrazione di tre avversità devastanti quali l'oidio, la peronospera e la fillossera che determinarono alcuni anni di crisi profonda in molte regioni europee.

LA RINASCITA:
Preminente, nella rinascita viticola post - fillosserica, fu il ruolo esercitato dall'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, istituzione fondata nel 1874 e tuttora elemento ispiratore della viticoltura e dell'agricoltura del territorio atesino.


 
Cerca qui vini grappe spumanti
Inizia la ricerca
   

Missione Aziendale

Prodotti (in manutenzione)
 
 
 

 

 

  Dal Trentino Alto Adige, tra castelli e picchi dolomitici, dove la prudente mano dell’uomo ha creato un esclusivo connubio con la natura e lo spirito che la rappresenta, un negozio vero: “Bottega Alpina”, con la sua esperienza ultradecennale, Vi propone on line i vini più prestigiosi, frutto della terra di questa piccola grande regione.
Per informazioni scrivete a Bottega Alpina Per informazioni scrivete a Bottega Alpina
   
 
.il plug-in di Flash!
 
Bottega Alpina, vendita online di vino Italiano del
Trentino Alto Adige! 
 Area Prodotti
   
.Interline